La “teoria della montagna di merda” – applicazione alla politica italiana del 2018

La teoria in oggetto è stata formulata da Uriel Fanelli. Alcuni suoi scritti sono raggiungibili su questo LINK

Cerco di riassumere l’enunciato e di applicarlo ai fatti di oggi. Spero mi sia perdonata l’assenza di metodo scientifico, dopotutto la teoria stessa mi assolve.

Centomila milioni di scimmie che battono a casaccio su una tastiera per centomila milioni di anni, produrranno sicuramente il miglior romanzo della storia, ma produrranno anche una catastrofica, cataclismica, gigantesca, sterminata, MONTAGNA DI MERDA

Riassumendo il concetto e riportandolo al reale:

Un idiota può produrre più merda di quanta tu possa spalarne

l’affermazione era da principio riferita alla situazione in cui un complottista affermava con assoluta semplicità una boiata colossale (es: scie chimiche) ed all’estrema complessità che richiede la dimostrazione della verità contraria.

In sostanza un idiota o una persona in malafede ha buon gioco nel dire davanti ad un pubblico vasto che i vaccini fanno più danni di quanti ne risolvono, perché sa che per smentirlo occorre un esperto, e che mediaticamente una spiegazione circostanziata di 30 minuti è meno attraente di una sparata sensazionalistica di 30 secondi. Inoltre se l’esperto medico smonta la teoria anti vaccini, l’idiota può sempre controbattere dicendo che “studi statistici” dimostrano la sua tesi, e allora occorrerà un secondo esperto (questa volta uno statistico) che dimostri il contrario, e così via…

La stessa teoria può oggi essere applicata ad altri tipi di affermazioni idiote o volutamente false. Tutti ricorderete che “gli immigrati ricevono 32 Euro al giorno e stanno in albergo a spese nostre”, è facilissimo dirlo, meno agevole dimostrare il contrario. Il problema maggiore tuttavia è che anche se dimostri il contrario l’idiota non ti capisce.

Come sostiene Fanelli c’è un errore di base nell’idea di smontare la bufala (debunking): chi si propone di informare meglio ha studiato. Chi va informato no. L’ipotesi ottimistica dei debunkers è che basti informare per far capire. Questa è la stessa idea dei ciarlatani, che dicono sempre la stessa cosa: “informatevi”, senza nessuno che dica loro: no, informarsi non serve ad un cazzo, quel che serve e’ studiare.

Siamo arrivati al punto: per capire quanto idiote sono le affermazioni di questi giorni fatte dai nostri ministri non basta informarsi, bisogna studiare! Per capire l’effetto positivo che un’immigrazione  ben gestita può avere, soprattutto in fase di decrescita demografica, bisogna studiare Demografia, Economia, Sociologia. Per capire l’effetto di una facile istigazione all’odio razziale bisogna studiare la Storia.

Se la “buona scuola” non ci insegna un cazzo, dobbiamo integrare con l’impegno individuale e collettivo a migliorare la nostra formazione e la nostra cultura, perchè:

è più facile produrre una montagna di merda che scrivere un buon romanzo

LEAVE A REPLY

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

loading
×